Febbraio 5, 2023

Aston Martin DBX707: alla scoperta del SUV di lusso più potente al mondo

Il marchio britannico ha voluto spingere oltre il suo primo SUV, presentando il nuovo Aston Martin DBX707, visto dal produttore come il “SUV definitivo sotto ogni punto di vista“.

[See image gallery at www.fleetmagazine.com]

Una combinazione di dinamismo, altre prestazioni, lusso e il tipico stile Aston Martin, con quel design che negli ultimi tempi ha saputo farsi apprezzare grazie al suo mix tra le forme classiche e inconfondibili di Aston Martin ed elementi moderni e tecnologici.

Le consegne della versione più estrema dell’ammiraglia Aston Martin cominceranno nel secondo trimestre del 2022, ma già da ora è possibile ordinarla e personalizzarla sul sito ufficiale della casa.

Leggi Anche: Tutte le supercar in arrivo nel 2022

ASTON MARTIN DBX707: UN ASSETTO DEDICATO

Aston Martin DBX707 non è solo la versione più potente del SUV di lusso inglese, ma anche la più maneggevole. Merito di un assetto interamente dedicato, con ogni elemento della vettura che è stato potenziato per migliorare le prestazioni, intensificare il piacere di guida e amplificare la presenza su strada.

Tutto questo si concretizza, prima di tutto, nel motore. I progettisti hanno infatti lavorato intensamente per sprigionare tutto il potenziale del V8 biturbo da 4.0 litri della DBX. Ciò che ne è uscito è un gruppo propulsore con turbocompressori a cuscinetti sferici e una taratura su misura che serve a erogare più potenza e più coppia. 

Inedito e proprio di Aston Martin DBX707 è il cambio automatico a bagno d’olio con trasmissione a 9 rapporti, in grado di gestire carichi di coppia maggiori rispetto ai tradizionali convertitori di coppia, e che permette di portare la potenza della vettura a ben 707 CV con 900 N/m, ovvero 157 CV e 200 N/m in più rispetto alla DBX con V8 tradizionale. 

Aston Martin DBX707

Il nuovo cambio, inoltre, permette dei cambi marcia molto più veloci rispetto alla trasmissione con convertitore di coppia, dando una sensazione più immediata e diretta e garantendo un maggiore senso di controllo. Inoltre, aumenta il carattere della Aston Martin DBX707 e la sua capacità di accelerazione 0-100, che ora avviene in appena 3,3 secondi.

I miglioramenti prestazionali non si fermano qui. Aston Martin DBX707 include anche di serie i freni carboceramici, con dischi da 420 mm all’anteriore e 390 mm al posteriore tenuti fermi da pinze a 6 pistoncini, che riducono il peso non speso a 40,5 kg. Sono state apportate modifiche anche alle dimensioni idrauliche e al booster dell’impianto frenante, per una migliore sensazione al pedale e una migliore risposta frenante.

Anche il raffreddamento dei freni è stato migliorato, ed è in grado di immettere aria sia attraverso la bocchetta di raffreddamento principale, sia tramite sottopianale. Infine, le pastiglie altamente performanti assicurano una grande continuità dell’attrito su un’ampia forbice di temperature.

Leggi Anche: Tra le supercar elettriche del 2022 c’è chi supera i 2000 CV!

UNA MIGLIOR DISTRIBUZIONE DI PESO

Aston Martin DBX707, negli allestimenti Sport e Ribbon, ha cerchi e pneumatici di serie da 22 pollici, mentre quelli in lega nero testurizzato o nero satinato/diamantato da 23 pollici (a richiesta) rendono l’assetto ancora più dinamico, grazie al diametro maggiore che migliora la risposta di sterzata e il controllo primario della carrozzeria.

Nuovo il differenziale posteriore autobloccante a slittamento limitato, che è stato opportunamente rinforzato per essere in grado di gestire una coppia piena di 900 N/m e vanta un rapporto finale modificato pari a 3,27 rispetto al 3,07 di DBX “normale”.

Aston Martin DBX707

Importantissimo poi il sistema di sospensione automatica, che su DBX707 conserva l’architettura di base e le camere pneumatiche triple di DBX, qui però con un telaio specifico e ottimizzato per richieste e obiettivi che non devono avere compromessi.

Aston Martin DBX707 vanta infatti nuove valvole degli ammortizzatori e una ritaratura della commutazione di volume delle molle dinamiche, al fine di garantire un miglior controllo della carrozzeria e una migliore risposta di sterzata. Il servosterzo elettronico è stato messo a punto per migliorare la sensazione di sterzata, con un maggior accumulo decentrato dello sforzo in modo da aiutare il conducente a farsi un’immagine più chiara dell’aumento dei carichi in curva.

Leggi Anche: La lista di supercar tassate dal superbollo è interminabile!

NUOVE MODALITÀ DI GUIDA

Per enfatizzare la centralità del pilota, Aston Martin DBX707 presenta modifiche e migliorie anche alla modalità di Guida dinamica. Il “Race Start” è disponibile nelle modalità GT, Sport e Sport+ per massimizzare l’accelerazione fuori linea e mettere in evidenza le prestazioni migliorate. Il nuovo sistema di trazione integrale genera più armonia e un più preciso controllo tra trasmissione e sistema ESP, per un’esperienza di guida più naturale e sportiva.

Aston Martin DBX707

Nuovi anche i selettori delle modalità di guida, che non si trovano più in un sottomenu del sistema di infotainment, ma in pulsanti dedicati a ESP, modalità di sospensione, modalità di selezione manuale delle marce e attivazione dello scarico attivo, che apre le valvole del nuovo sistema di scarico a marmitta quadrupla anche senza necessità di impostare la modalità Sport.

Leggi Anche: Con l’Euro7 arriveranno i “poveri della mobilità”.

ASTON MARTIN DBX707: SUBITO RICONOSCIBILE

Per enfatizzare le grandi migliorie ingegneristiche, il design sia esterno che interno di Aston Martin DBX707 è stato opportunamente rinnovato, in maniera sportiva ma sempre con lo stile per cui Aston è apprezzata.

Aston Martin DBX707

La griglia frontale è più grande sempre cromata ma con alette doppie, mentre i LED diurni hanno una nuova texture. Le prese d’aria e i condotti di raffreddamento dei freni sono completamente nuovi, così come il profilo dello splitter anteriore. 

La linea dei finestrini è scura, satinata e cromata, mentre le alette sul cofano si abbinano alla griglia frontale e allo splitter nero lucido, andando a proseguire lungo le fiancate con longheroni laterali sempre in nero lucido, ma ora più profondi e scolpiti. Le portiere sono autochiudenti, in modo da accentuare la sua natura di lusso.

Aston Martin DBX707

Al posteriore, il tetto vede uno spoiler con bordino per ridurre la portanza e incrementare la stabilità ad alte velocità, anche grazie a un diffusore posteriore doppio visibilmente più grande per meglio adattarsi al sistema di scarico quadruplo, in nero satinato.

Nuovo anche il paraurti posteriore, con prese d’aria integrate nel parafango per una maggiore muscolosità.

Leggi Anche: Rolls-Royce sarà al 100% elettrica entro il 2030

INTERNI

Gli interni prevedono sedili Sport di serie, o quelli Comfort come optional ma senza sovrapprezzo. Di serie su tutti i sedili la regolazione elettronica a 16 posizione e il riscaldamento.

Tre le varianti di interior design:

  • Accelerate (di serie), con mix di pelle e Alcantara;
  • Inspire Comfort;
  • Inspire Sport;

Aston Martin DBX707

Gli ultimi due sono a richiesta e sono completamente in pelle semianilina completa di ali Aston Martin ricamate sul poggiatesta, riga a contrasto che scende sullo schienale e pattern traforato sul retro. 

Il pomello del cambio ha una finitura cromata, ed è possibile scegliere tra cromo brillante e fibra di carbonio.

FOLLOW US

Per rimanere sempre aggiornato seguici sul canale Telegram ufficiale e Google News. Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderti le ultime novità di Fleet Magazine.

L’articolo Aston Martin DBX707: alla scoperta del SUV di lusso più potente al mondo proviene da Fleet Magazine.