Luglio 13, 2024

Con E-Xperience il pieno lo fa Hertz

Con E-Xperience il pieno lo fa Hertz

Con E-Xperience di Hertz Italia il noleggio di vetture elettriche è reso facile e pratico da servizi e soluzioni che ne agevolano l’utilizzo.

La stagione estiva appena conclusa ha restituito un quadro interessante su E-Xperience, la proposta Hertz per il noleggio di veicoli elettrificati in Italia: un’esperienza semplice e senza pensieri anche per coloro che “sperimentino” la guida in elettrico per la prima volta.

La diffusione di veicoli elettrici in Italia è ancora frenata rispetto ad altri Paesi europei. Questo è certamente da attribuire alla complessità del tema ed alla resistenza di alcune persone che vedono alcune difficoltà in questa rivoluzione della mobilità. Il tema della ricarica è un fattore centrale e nel noleggio diventa sicuramente un elemento importante da gestire con adeguate soluzioni. Infatti, la regola che prevede la restituzione della vettura al termine del noleggio con il pieno di carburante nel caso di vetture elettriche potrebbe risultare particolarmente scomodo per l’ospite. Nulla di complicato, ma sicuramente un’operazione che rispetto alle vetture tradizionali richiede un tempo più prolungato.

Analogamente a quello presente sulle vetture endotermiche, Hertz ha previsto per i suoi ospiti il CPO (Charge Purchase Option) un servizio di ricarica prepagata disponibile per coloro che non volessero effettuare la sosta per la ricarica prima della riconsegna del veicolo (è richiesto un livello non inferiore all’80% di carica della batteria). Potranno restituire l’auto con un livello di batteria inferiore all’8’% e la ricarica sarà a cura di Hertz.

Al momento della prenotazione o del ritiro della vettura l’ospite potrà sottoscrivere questo servizio e, se al momento della restituzione della vettura il livello di carica della batteria fosse almeno dell’80%, l’importo relativo verrebbe automaticamente restituito. Ad oggi il CPO è tra i servizi più richiesti da chi sceglie E-Xperience Hertz.

Poiché il tema della ricarica rappresenta uno degli aspetti di maggiore impatto rispetto alle vetture convenzionali, gli ospiti Hertz apprezzano anche il token (key-fob) che viene fornito al momento del ritiro dell’auto e che abilita l’accesso alle colonnine di ricarica pubblica senza necessità di registrazioni o carte di pagamento.

«La rivoluzione della mobilità è un fenomeno che negli ultimi 5 anni ha avuto una notevole accelerazione, proprio con la mobilità elettrica. Consapevoli della complessità che abbiamo davanti, riteniamo che sia fondamentale un approccio olistico a questa materia, una visione integrata e il supporto di esperti nell’innovazione» dice Massimiliano Archiapatti, amministratore delegato di Hertz Italia. «Per fare questo abbiamo sviluppato importanti collaborazioni a livello globale con Uber e Lyft ad esempio, con Ufodrive per la loro tecnologia applicata al car sharing.  Siamo all’inizio, ma siamo determinati a portare avanti un approccio completo alla nuova mobilità, dall’incremento della flotta, alla definizione di servizi ad hoc. Il noleggio dell’auto elettrica infatti presenta alcune specifiche necessità, diverse da quelle delle auto endotermiche. Ad esempio l’approntamento dei veicoli cambia a causa della tempistica di “rifornimento”. Sappiamo che ricaricare l’auto elettrica richiede un tempo più prolungato del rifornimento di carburante liquido. In questo nuovo scenario diventa particolarmente strategica l’ottima organizzazione del servizio, e noi lo facciamo da 105 anni».