Settembre 24, 2022

L’Italia ama il car sharing

L’Italia ama il car sharing

Come i 905.000 utenti italiani di Share Now usano il servizio. Forte tendenza verso i noleggi più lunghi fino a 30 giorni, cresciuti dell’85% in tutta Italia rispetto al 2021- I milanesi utilizzano di più il servizio per gli spostamenti serali, i romani nel weekend e i torinesi nelle ore centrali della giornata o per il lungo termine.

Gli italiani amano il car sharing. Oltre 65.000 nuovi iscritti hanno aderito a Share Now negli ultimi sei mesi. Ad oggi l’azienda conta più di 900.000 utenti in Italia. Con una base utenti così ampia sono tante e diverse le esigenze di mobilità che ne derivano. In ogni location italiana, il car sharing di Share Now è usato in modo diverso, ma c’è una tendenza che le accomuna: il car sharing a lungo termine. A Giugno 2022 la domanda di tale servizio per noleggi più lunghi fino a 30 giorni è cresciuta dell’85% rispetto allo scorso anno. Di conseguenza, anche la durata media per viaggio è aumentata dell’87% nello stesso periodo.

«I numeri in costante crescita, ormai da 10 anni, dimostrano come il car sharing di Share Now sia entrato a far parte della quotidianità degli italiani. In questi anni l’approccio alla mobilità è cambiato, insieme alle esigenze dei cittadini, e noi abbiamo rivoluzionato il nostro prodotto per soddisfare perfettamente le richieste del mercato. Come operatore leader, siamo sempre pronti ad innovare il settore, riuscendo a creare nuove tendenze come il car sharing a lungo termine» spiega Olivier Reppert, CEO di Share Now. «Sono dunque orgoglioso di poter affermare che l’impegno da parte di Share Now nel rinnovarsi, proponendo un’offerta diversificata e fatta su misura delle città, è stato premiato con il raggiungimento dei 905.000 utenti in Italia».

I noleggi più lunghi sono particolarmente apprezzati dagli utenti di Torino dove, a giugno 2022, il numero dei viaggi effettuati con il car sharing a lungo termine è più che raddoppiato (+145%) rispetto a Giugno 2021. Questo anche grazie alla flotta recentemente rinnovata: per percorrere le distanze più lunghe, i torinesi prediligono la Peugeot 208. Anche Roma e Milano registrano una forte crescita del car sharing a lungo termine: i noleggi fino a 30 giorni sono aumentati rispettivamente dell’84% e dell’82%. Inoltre, i clienti italiani preferiscono pianificare il loro noleggio a lungo termine. Pertanto, l’utilizzo dell’opzione pre-booking, con cui prenotare un’auto fino a 100 giorni in anticipo senza costi aggiuntivi, è cresciuta del 60% in Italia.

In ogni città italiana, dunque, il car sharing di Share Now è utilizzato in modo diverso, in base alle specifiche esigenze di mobilità del contesto urbano. Milano, città nostrana con più utenti (428.000), è la prima location in Europa in cui il servizio viene usato maggiormente per gli spostamenti infrasettimanali serali, tra le 19.00 e le 6.00 del mattino. Segue al secondo posto nell’utilizzo serale Roma, con i suoi 330.000 utenti che però utilizzano il car sharing specialmente nel weekend. I 147.000 torinesi preferiscono invece spostarsi nelle ore centrali della giornata lavorativa.

L’esperienza ormai decennale di Share Now in Italia dimostra inoltre che il car sharing non è limitato al solo utilizzo privato, ma anche a quello aziendale. Tra tutte le 16 location europee di Share Now, le tre italiane si trovano in vetta alla classifica delle città con la percentuale più alta di noleggi business: Milano, Roma e Torino sono rispettivamente al secondo, terzo e quarto posto, solo dietro a Parigi e davanti a Berlino e Monaco. Inoltre, il collegamento con gli aeroporti è una delle caratteristiche più apprezzate dalla clientela business. I noleggi b2b da e per gli scali aeroportuali italiani sono infatti quasi triplicati negli ultimi sei mesi (+186% da Gennaio a Giugno 2022).