Settembre 26, 2022

MotoGP, la confessione inattesa: in Ducati per liberarsi di Marc Marquez

Una novità del 2023 sarà vedere un Marquez in Ducati, lontano da Honda. Un divorzio con un retroscena molto personale. 

alex-marquez-marc-marquez-instagram
Fratelli Marquez in azione – MotoriNews

La categoria MotoGP del Campionato del Mondo ha già ufficializzato alcuni scossoni a livello di mercato per la stagione 2023. Uno di questi riguarda casa Honda, da tempo in grave difficoltà a livello di risultati. Ma sta anche perdendo pezzi, visto che uno dei piloti dal cognome importante migrerà verso altri lidi. Alex Marquez, il fratello minore del pluricampione Marc, non rimarrà con l’Ala Dorata, ma passerà a Gresini, team satellite Ducati. Un cambio radicale per il due volte campione del mondo nelle classi minori, determinato a darsi un’ultima occasione con quella che è diventata la ‘moto dei sogni’ in MotoGP. Ma non si tratta solo di questo, c’è un altro motivo molto più personale dietro a questo cambiamento.

Il peso di un Marquez

Essere il fratello minore di un pluricampione del mondo è una situazione complessa. Se poi quel parente illustre è un certo Marc Marquez… È necessario ricordare però come Alex Marquez si sia conquistato la MotoGP a suon di risultati. Ha vinto il titolo Moto3, si è preso in seguito l’iride Moto2 ed è tutt’ora l’unico pilota ad aver trionfato in entrambe le nuove categorie, eredi delle defunte 125cc e 250cc. Un percorso netto per arrivare in top class, qualcosa che ormai fanno in pochissimi, viste le ‘promozioni’ pur senza titoli in tasca. Eppure i risultati in pista non sono bastati per evitare costanti critiche e cattiverie gratuite al minore di casa Marquez. La situazione non è migliorata col suo approdo in Honda: nonostante le difficoltà di tutti i piloti, è sempre l’osservato speciale per il cognome e la parentela.

Ripartire da zero

Di qui la decisione drastica, ovvero cambiare aria. Una nuova scommessa con se stesso, per provare il suo valore e per staccarsi da una presenza ingombrante come quella del fratello Marc Marquez. Fuori dalle piste i due sono sempre stati inseparabili, in MotoGP ora le strade saranno ben diverse. “Se fosse stato tutto perfetto sarebbe stata un’altra storia, così invece fa più male che bene.” Questo l’amaro commento di Alex Marquez in un’intervista a AS, spiegando così anche il motivo personale che l’ha spinto verso Ducati. Si ripartirà da zero, con una D16 molto diversa dalla RC213V. Una sfida nuova e vissuta lontano da quell’ombra e spinto dalla determinazione a farsi valere anche in MotoGP.

L’articolo MotoGP, la confessione inattesa: in Ducati per liberarsi di Marc Marquez proviene da Motori News.