Agosto 20, 2022

Renault Austral, E-Tech full hybrid inedito e interni dal sapore premium

Il post-Kadjar è Renault Austral. Di mestiere, sempre suv compatto. Dimensioni grossomodo invariate, tutta un’altra narrazione, invece, in materia di design, materiali, impressione di premium che vuole restituire. C’è, poi, tutto un altro mondo per la tecnologia applicata ai motori, elettrificati mild hybrid e full hybrid.

Renault Austral

RENAULT AUSTRAL

Non cambia l’architettura CMF-CD, già nota per altre applicazioni nel mondo Renault. Quel che è nuovissimo è il linguaggio di stile. Risente logicamente di un’impronta di ispirazione Megane elettrica (leggi come si presenta dal vivo) e concentra i punti di maggiore caratterizzazione sul frontale.

Una fascia sulla quale svettano i fari con l’ormai distintivo stile a C, arricchiti da un raccordo a tutta larghezza verso il logo al centro del cofano. Fari full led di serie, a richiesta adattivi o Matrix led, quando arriverà sul mercato, in un’uscita pianificata per la fine del primo trimestre di quest’anno.

[See image gallery at www.fleetmagazine.com]

In coda è un abbinamento riuscito tra la sportività del lunotto di piccole dimensioni, lo spoiler pronunciato, i fari quasi a tutta larghezza e una regolarità dell’apertura del cofano fondamentale per garantire ampia versatilità di utilizzo e facilità di carico nel bagagliaio. Lo spazio è adeguato, visti i 500 litri di volume dichiarato.

DIMENSIONI

E’ il dato di partenza, poiché nelle dimensioni di Renault Austral c’è una modularità degli interni pregevole. I sedili posteriori, oltre a essere reclinabili in tre livelli nello schienale, sono scorrevoli per 16 centimetri. Questo permette di bilanciare lo spazio dedicato ai  passeggeri e ai bagagli, con un dato massimo in configurazione 5 posti di 575 litri. Abbattendo gli schienali, invece, capacità massima di 1.525 litri. Va detto come, Renault Austral E-Tech, in ragione del sistema full hybrid, riduca il volume utile a 430 litri.

Leggi anche: Non solo Megane elettrica, tutte le novità Renault 2022

In lunghezza il suv misura 4,51 metri su un passo di 2,67 metri, a fronte di un’altezza di 1,62 metri e 1,83 metri di larghezza. Sono le quote da pieno segmento C suv.

MOTORI

Renault Austral motori

La tecnica, oltre al progetto su architettura CMF-CD, dice della presenza delle quattro ruote sterzanti 4Control Advanced, optional. Portano con sé le sospensioni posteriori multilink, nonché una riduzione del raggio di sterzata a 10,1 metri, merito della sterzata controfase delle ruote posteriori, fino a 5 gradi. 

Poi c’è l’offerta di motori su Renault Austral. Tutti elettrificati, con mild hybrid a 12 o 48 volt e con E-Tech full hybrid. Iniziamo da quest’ultima, poiché ha più punti di innovazione rispetto all’E-Tech full hybrid proposto finora su Captur, Clio e Megane. Punti notevoli. 

Leggi Anche: Megane E-Tech Plug-In Hybrid, la ricaricabile compatta di Renault

L’abbinata tra motore termico e motori elettrici prevede un propulsore turbo benzina 1.2 litri in luogo dell’1.6 litri aspirato. Invariato lo schema con motore elettrico di sincronizzazione degli innesti delle marce (il cambio è un meccanico 5 rapporti abbinato senza frizione al motore turbo benzina, più una trasmissione a due rapporto per il motore elettrico).

Renault Austral e tech

L’elettronica di gestione coordina gli innesti delle marce, attuati sincronizzando i giri mediante il motore elettrico di rigenerazione, avvio e sincronizzazione appunto. Austral E-Tech parte sempre in elettrico e si muove nella stragrande maggioranza del tempo, in città, a zero emissioni. Realizza consumi molto interessanti, in rapporto alla potenza di sistema che è di 160 o 200 cavalli, a seconda della versione scelta. Dichiara appena 4,6 lt/100 km di consumo e 105 g/km di Co2 emessa

Il motore elettrico di trazione (68 cavalli e 205 Nm) è alimentato dalla batteria da 1,7 kWh, qui l’innovazione sta nell’aver portato la tensione a 400 volt, rispetto ai 240 volt dell’E-Tech proposto con motore 1.6 litri aspirato.

L’alternativa al full hybrid nei due livelli di potenza è nel turbo benzina mild hybrid 1.2 litri 130 cavalli 48 volt (5,3 lt/100 km; 123 g/km Co2), oppure nel mild hybrid 12 volt 1.3 litri turbo 140 o 160 cavalli, quest’ultimo con cambio automatico Xtronic: consumi da 6,2 lt/100 km e 136 g/km di Co2 emessa. Anche i mild hybrid, va segnalato, recuperano energia in frenata e con una soluzione personalizzabile nell’intensità.

INTERNI

Renault Austral interni

Da suv di un marchio generalista, la proposta che Austral rivela all’interno è molto convincente. Un ambiente tecnologico, con materiali curati perché con la possibilità di avere inserti in legno, in alluminio, rivestimenti in pelle e in Alcantara.

C’è poi il comparto OpenR, centrale di comando che raggruppa strumentazione e infotainment su due ampi schermi privi di cornice. Strumentazione da 12,3 pollici, display dell’infotainment – verticale – da 12 pollici. E’ la premessa di un sistema connesso, con scambio dati via cloud per gli Adas e i suggerimenti proattivi per una guida Eco. 

Sulla base dei dati GPS e delle mappe della navigazione, l’elettronica rappresenta sull’head up display i suggerimenti su quando rallentare, alzare il piede dal gas e sfruttare al massimo il potenziale del sistema full hybrid e mild hybrid.

Tra i servizi connessi My Renault, di particolare interesse è la manutenzione proattiva e la possibilità di gestire la flotta in condivisione tra più driver, ottenendo report sull’utilizzo del veicolo.

L’elettronica di bordo è aggiornabile over-the-air nel firmware.

ADAS

Quanto all’offerta di Adas, Renault Austral ha il Livello 2 di automazione ed è completato dalla presenza del sistema anticollisione frontale, anticollisione con frenata d’emergenza anche in retromarcia. Non manca il parcheggio autonomo né il Lane Departure prevention in fase di sorpasso. 

FOLLOW US

Per rimanere sempre aggiornato seguici sul canale Telegram ufficiale e Google News. Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderti le ultime novità di Fleet Magazine.

L’articolo Renault Austral, E-Tech full hybrid inedito e interni dal sapore premium proviene da Fleet Magazine.