Maggio 22, 2022

Svelato in anteprima il nuovo Hyundai Bayon, il crossover elegante per l’Europa

È stato presentato, in anteprima globale, il nuovo crossover compatto Hyundai Bayon: una vettura dalle forme ricercate ed eleganti, nel corpo di un crossover.

[See image gallery at www.fleetmagazine.com]

Progettato appositamente per il mercato europeo, Hyundai Bayon è un B-SUV che rappresenta l’ultimo e più piccolo crossover della sempre più ampia famiglia coreana a ruote alte. Europeo perché all’Europa si ispira: il nome Bayon è infatti ispirato a Bayonne, capitale dei Paesi Baschi Francesi, nonché una delle destinazioni più affascinanti dell’Europa sud-occidentale.

Leggi Anche: Come stare seduti in salotto, anteprima della nuova Hyundai IONIQ 5

IL DESIGN RICERCATO DI HYUNDAI BAYON

Al pari delle ultime vetture del marchio coreano, come la i20 e la Tucson, anche il nuovoHyundai Bayon segue il corso stilistico Sensuous Sportiness, e quindi si presenta con un design molto personale, ricercato, e che mette in armonia proporzioni, architettura, stile e tecnologia.

Il risultato è un’estetica completamente diversa dalla concorrenza, con soluzioni stilistiche uniche e moderne. Il frontale è dominato dalla griglia anteriore, tutta sviluppata in larghezza e che costituisce la prima delle 3 sezioni di questa parte dell’auto: sopra di lei, infatti, la linea di giuntura tra cofano e paraurti, che vede le luci diurne a LED sottili e minimal, come quelle della Kona.

La terza parte è quella laterale, che comprende il gruppo ottico principale, distinto da una forma inedita e particolare, unita anche a una presa d’aria orizzontale. 

Di profilo è presente una spalla dinamica a forma di freccia, che dà dinamismo e un aspetto dorma di cuneo. Dinamismo ripreso anche dal montante C e dai gruppi ottici posteriori, entrambi a forma di freccia, che pare essere il leit motiv stilistico della nuova Hyundai Bayon.

Le luci posteriori sono lontane tra loro, collegate da una sottile linea orizzontale: un complesso che vuole enfatizzare la larghezza di una vettura che, come vedremo, è piccola ma molto spaziosa.

Completano il design i cerchi in acciaio da 15 pollici, e quelli in lega da 16 o 17 pollici. Ispirata a una vivacissima città europea, la nuova Hyundai Bayon è disponibile con 9 colori esterni, tra cui la tintura di lancio, che si vede nelle foto e che è nota come Mangrove Green Pearl. Gli altri saranno:

  • Phantom Black Pearl
  • Polar White
  • Elemental Brass Metallic 
  • Dragon Red Pearl
  • Sleek Silver Metallic
  • Aqua Turquoise Metallic
  • Aurora Grey Pearl
  • Intense Blue Pearl

Tutte le tonalità, ad eccezione del Phantom Black Pearl e dell’Aurora Grey Pearl, sono disponibili con tetto Black Phantom opzionale.

Leggi Anche: Hyundai Tucson N Line, sportiveggiante con l’efficienza Hybrid. Dal mild al plug-in

GLI INTERNI

Gli interni di Hyundai Bayon sono puliti e luminosi, e sono stati progettati per massimizzare il comfort dei passeggeri sia anteriori che posteriori, e per avere un bagagliaio molto capiente.

La tecnologia viene in aiuto del comfort, grazie all‘illuminazione ambientale a LED integrata nelle zone dei piedi del passeggero anteriore, nei vani porta-oggetti delle portiere, e nelle maniglie delle portiere anteriori.

I colori e i materiali sono neutri, in modo da essere sempre compatibili con le tonalità esterne. Gli interni sono però sono impreziositi con colori e finiture, che creano un’atmosfera serena che permetta al conducente di concentrarsi.

Di serie è presente il tessuto Full Black, ma sono disponibili altre due combinazioni:

  • Grigio scuro e grigio chiaro
  • Safari Green con cuciture e inserti Dark Grey

Hyundai Bayon unisce comfort e spazio di un SUV all’agilità ed efficienza di un segmento B. In particolare, il bagagliaio parte da 411 litri di capacità, che lo rende uno dei più grandi della categoria. Lo sfruttamento è intelligente, perché i sedili possono scorrere in modo da aumentare o diminuire leggermente la capienza, fino a naturalmente l’abbattimento degli schienali per avere tanto spazio in più.

Leggi Anche: Hyundai Santa Fe 20th Anniversary, festa full optional e hybrid

TANTA TECNOLOGIA

La gamma di strumenti di connettività è molto ricca, e include anche il cluster digitale da 10,25 pollici e un display touch da 10,25 o, in alternativa, da 8 pollici, sempre compatibili anche wireless con Apple CarPlay e Android Auto. Sono presenti 3 USB, due per i passeggeri anteriori e una per quelli posteriori, che permettono di caricare fino a 3 dispositivi nello stesso tempo.

Inoltre, una delle 3 porte USB anteriori permette di trasferire i dati, per collegare lo smartphone al sistema di infotainment del veicolo. Tutto è poi completato dal sistema audio Bose Premium, per esperienze di ascolto di altissima qualità.

Connettività, per le vetture del marchio coreano, significa Hyundai Bluelinkn Connected Car: il nuovo Hyundai Bayon è infatti dotato dell‘ultimo aggiornamento di Bluelink, e quindi dispone di tutti i servizi di auto connessa all’avanguardia. Tra questi si segnalano:

  • Connected Routing, ovvero il sistema di navigazione basato su cloud che offre percorsi precisi per la guida quotidiana.
  • Parcheggio in tempo reale.
  • Nuove funzionalità del profilo utente
  • Integrazione del calendario con quello di Google o Apple, che può quindi essere riprodotto nel veicolo. Se l’appuntamento ha un indirizzo, si può importare direttamente nel sistema di navigazione. 
  • Riconoscimento vocale online, per controllare le funzioni del veicolo come il riscaldamento.

Tecnologia significa anche sicurezza, e Hyundai Bayon dispone di diverse funzioni di guida semi-autonome che lo distinguono dai veicoli di pari-segmento. Per esempio il Lane Following Assist, che mantiene l’auto sulla corsia; il Forward Avoidance Assist, che fa suonare un allarme e, se necessario, frena la vettura per evitare la collisione.

Ci sono poi il rilevamento di auto, pedoni e ciclisti, e il controllo di svolta a svincolo, per prevenire collisione con auto in avvicinamento quando si svolta a sinistra.

Leggi Anche: Da Google a Samsung, il ruolo chiave dei colossi tech nei nuovi sistemi di infotainment

LA GAMMA MOTORI DI HYUNDAI BAYON

Come detto, la Hyundai Bayon promette di essere efficiente nei consumi, come una segmento B, grazie alla famiglia di motori Kappa aggiornata. Spicca il motore T-GDi Turbo ridimensionato a iniezione diretta, combinato a una batteria da 48 V e all’iMT, il cambio manuale intelligente, che permette di ridurre notevolmente i consumi.

Il cambio iMT, infatti, disinnesta il motore dalla trasmissione ogni volta che il conducente toglie il piede dall’acceleratore, cosa che permette all’auto di iniziare a muoversi per inerzia, risparmiando carburante e riducendo le emissioni. 

Hyundai Bayon dispone anche della tecnologia Hyundai Continuosly Variable Valve Duration (CVVD), che regola la durata di apertura e chiusura della valvola a seconda delle condizioni di guida, per ottimizzare le prestazioni e migliorare l’efficienza del carburantw.

IL motore top di gamma è il T-GDi da 1.0 litri con 48 V da 120 o 100 CV, che si può abbinare o al cambio iMT a 6 marce o all’automatico doppia frizione a 7 marce (7DCT). È comunque disponibile anche un motore MPi da 1.2 litri e 84 CV, abbinato a un cambio manuale a 5 marce.

Infine, Hyundai Bayon è il primo SUV Hyundai con tecnologia Rev Matching, che di solito viene riservata a modelli Hyundai ad alte prestazioni. Una tecnologia che sincronizza motore e albero di uscita, permettendo scalate più fluide o, in alternativa, sportive.

Rev Mathing sarà disponibile per il motore T-GDi da 1.0 litri, quando abbinato al cambio automatico, e per tutte le modalità  di guida. Se abbinato al manuale, sarà disponibile solamente in modalità Sport.

 

L’articolo Svelato in anteprima il nuovo Hyundai Bayon, il crossover elegante per l’Europa proviene da Fleet Magazine.