Gennaio 21, 2022

Evoluzioni tecnologiche per una maggiore autonomia

Evoluzioni tecnologiche per una maggiore autonomia

Progressi delle Peugeot e-208 & e-2008 a vantaggio degli utenti.

Fino a 25 chilometri e l’8% di autonomia in più nel ciclo WLTP, ancora di più nella vita reale. Questo il risultato delle evoluzioni tecnologiche realizzate dall’inizio del 2022 sulle versioni 100% elettriche di Peugeot 208 e del SUV 2008.

Introdotte nel mercato tra la fine del 2019 ed inizio 2020, Peugeot e-208 e e-2008, entrambe 100% elettriche, hanno ottenuto un successo su tutti i mercati, incluso l’Italia, con oltre 90.000 esemplari prodotti finora. Questi due modelli in cima alle preferenze dei clienti confermano il successo della strategia di elettrificazione della Casa francese.

Basate sulla piattaforma eCMP (Common Modular Platform), dotate di una batteria da 50 kWh, di un motore elettrico con una potenza di 100 kW (136 CV) ed una coppia di 260 Nm, beneficiano di evoluzioni tecnologiche che permettono di offrire ancor più autonomia.

Innanzitutto, i pneumatici sono stati ottimizzati con il passaggio alla classe A+, fatto che garantisce una maggiore efficienza grazie alla minore resistenza al rotolamento. Quest’evoluzione riguarda le versioni con ruote da 16 pollici per Peugeot e-208 e da 17 pollici per Peugeot e-2008.

A ciò si aggiunge un’evoluzione meccanica con un nuovo rapporto di riduzione del cambio che ottimizza l’autonomia nella guida su strada e in autostrada.

Infine, una nuova pompa di calore accoppiata a un sensore di umidità installato nella parte superiore del parabrezza ottimizza l’efficienza energetica del riscaldamento e della climatizzazione dell’abitacolo. Le informazioni trasmesse da questo sensore permettono di controllare con maggiore precisione il ricircolo dell’aria nell’abitacolo e, in definitiva, di preservare la quantità di energia contenuta nella batteria durante le fasi di riscaldamento e di mantenimento della temperatura all’interno del veicolo. L’efficacia di questa evoluzione è particolarmente evidente in presenza di basse temperature esterne.

In sintesi, tutti questi sviluppi permetteranno di aumentare l’autonomia in base al ciclo di omologazione WLTP (Worldwide harmonized Light vehicles Test Procedures). Ma al di là dei guadagni sostanziali in termini di autonomia nel ciclo WLTP, vanno sottolineati i guadagni significativi nell’uso reale del cliente, dell’ordine di 40 chilometri, in condizioni di traffico urbano a temperature vicine a 0°C.