Maggio 22, 2022

MotoGP: Ducati, serve la scossa. Ad Austin il cambio di rotta?

Ducati Team a caccia della svolta. Il GP ad Austin sarà una prova importante per Pecco Bagnaia e Jack Miller. 

pecco-bagnaia-ducati-motogp
Pecco Bagnaia – MotoriNews

Serve fare ben di più se si vuole puntare all’ambizioso risultato annunciato più volte. I vertici Ducati lo sanno bene, così come ne sono ben consci i due piloti di punta. Pecco Bagnaia e Jack Miller sono reduci da un Gran Premio d’Argentina a più facce, quel che è chiaro è che serve capire ciò che non funziona e risolverlo in fretta. Una stagione MotoGP partita davvero solamente a metà, com’è già successo troppe volte in precedenza, non è più accettabile, visto il livello attuale della top class. Ogni gara è fondamentale ed aver accumulato così pochi punti, soprattutto rispetto ai ragazzi dei team clienti, è qualcosa su cui riflettere. Serve l’immediata svolta, a cominciare dalla tappa nel Circuito delle Americhe ad Austin, ufficialmente al via tra pochi giorni (il programma).

Argentina da dimenticare

Jack Miller in particolare è stato il vero volto scuro della truppa di Borgo Panigale alla fine dell’appuntamento in America Latina. Tolti Johann Zarco e Fabio Di Giannantonio, prematuramente KO per due incidenti distinti. Partito 14° in griglia, ‘Jackass’ ha chiuso la corsa esattamente nella medesima posizione. “La cosa più frustrante è che per la prima volta nella mia carriera non sono riuscito a superare nessuno.” Parole amare da parte del pilota australiano a GP concluso. È andata un po’ meglio invece al compagno di box Pecco Bagnaia, sempre piuttosto indietro in griglia ma capace di risalire, fino a concludere il terzo evento 2022 con una buona quinta posizione. In tasca altri punti importanti, che lo fanno risalire fino alla 14^ posizione iridata. Sempre troppo indietro per una partenza di stagione che in Ducati si sperava già ben diversa…

Una nuova occasione

Ma non c’è tempo per guardarsi troppo alle spalle, ora bisogna pensare al futuro. Già venerdì i piloti MotoGP saranno di nuovo in pista. Li attende il COTA di Austin, riasfaltato dopo le tante polemiche scatenate l’anno scorso da una “pista da motocross”, come l’aveva definita Jorge Martin. I lavori si sono conclusi da poco e Franco Uncini ha già fatto il suo sopralluogo, la prova definitiva arriverà con i piloti del Motomondiale. Compresi i due ragazzi Ducati Team, alla ricerca della svolta su una pista sulla quale la Rossa ha conquistato qualche podio, ma mai una vittoria. Quella è stata un’esclusiva della Spagna“Torniamo su una pista che mi piace e sulla quale riesco ad essere veloce” ha dichiarato speranzoso Miller. Gli fa eco Bagnaia: “Il mio Mondiale è iniziato la scorsa settimana, dobbiamo mantenere il trend positivo.”

L’articolo MotoGP: Ducati, serve la scossa. Ad Austin il cambio di rotta? proviene da Motori News.