Dicembre 3, 2021

Ultime F1: GP di Baku resta in calendario fino al 2024, salta lo scambio con la Turchia

Considerate le nuove disposizioni sanitarie imposte dalla Gran Bretagna hanno messo in pericolo il Gran Premio di Instanbul in programma il prossimo 13 giugno, dato che la Turchia a partire dalla giornata di ieri, 12 maggio, è entrata in ‘zona rossa’. Questo significa che chi fa rientro dal Paese, dovrà osservare i 10 giorni di quarantena in uno degli hotel che sono stati approvati. Si tratterebbe di un periodo fin troppo lungo per gli addetti della Formula 1 e FIA, sia per quanto concerne la questione logistica sia per i lavori al set-up alle vetture in vista della tappa francese al Paul Ricard di Le Castellet.

Il GP di Turchia, subentrato nel calendario di F1 in sostituzione al GP del Canada per l’emergenza Covid, adesso rischia davvero di saltare anche in seguito all’ultimo tentativo di invertire la data della gara di Istanbul con quella dell’Azerbaigian, domenica 6 giugno. Come affermato da Arif Rahimov, direttore esecutivo del circuito cittadino di Baku, si tratta di un’ipotesi da accantonare, in quanto, la capitale del Paese ospiterà nel weekend 12-13 giugno la partita tra Galles e Svizzera, valida per gli Europei di calcio.

Come ha dichiarato Rahimov, e riportato dall’edizione online della ‘Gazzetta dello Sport’, ci sono state discussioni, ma era davvero impossibile cambiare. Se non ci fosse stato un appuntamento importante nelle vicinanze, sarebbero stati disponibili allo scambio di date. Il weekend di gara è compresso in mezzo a tutti gli altri eventi ospitati dalla città. Il primo match sarà il 12 giugno, ovvero il weekend appena successivo al gran premio. Non hanno grandi possibilità di essere flessibili quest’anno. A questo punto Liberty Media, organizzatrice del mondiale di F1 e Stefano Domenicali, suo presidente, devono decidere se lasciare in programma la tappa turca oppure andare alla ricerca di nuovi circuiti capaci di ospitare dei Gran Premi.

La settimana scorsa sono trapelate delle voci circa un possibile ritorno della Formula 1 al Nurburgring (in Germania) o addirittura al Mugello. Nel frattempo di una decisione, capitale e centro del commercio dell’Azerbaigian, è in festa per il ritorno del Circus dopo che il Gran Premio saltò nel 2020 a causa della pandemia da Covid-19. La gara di Baku, dunque, resterà nel calendario di F1 fino al 2024, è confermata per il 6 giugno ed è in via ufficiale anche l’estensione del contratto con Liberty Media.

L’articolo Ultime F1: GP di Baku resta in calendario fino al 2024, salta lo scambio con la Turchia proviene da Motori News.