Olio motore, come sceglierlo per un propulsore sempre ben lubrificato

Olio motore, come sceglierlo per un propulsore sempre ben lubrificato

Il lubrificante, altresì chiamato olio motore quando parliamo di automobili, è un fluido appositamente concepito, che ha come obiettivo quello di diminuire l’attrito tra due superfici a contatto. Lo strisciamento tra le parti meccaniche, infatti, comporta usura ed asportazione di materiale nel tempo, proporzionale alla forza applicata e alla pressione di contatto. Il contatto prolungato delle superfici, avvenendo ad alte velocità nei motori, provoca un effetto di micro saldature locali di metallo dovute al calore scaturito dall’attrito. Questo fenomeno è ben conosciuto dai meccanici col nome di “grippaggio“.

L’olio motore presenta un’importante caratteristica chimico-fisica definita viscosità. Questa rappresenta il suo attrito interno, cioè la maggiore o minore capacità di scorrimento di uno strato del liquido rispetto ad uno strato adiacente. La viscosità diminuisce all’aumentare della temperatura, causando assottigliamenti dello strato di lubrificante sulle parti meccaniche. Ciò aumenta il rischio di grippaggio, motivo per cui gli oli motore sono spesso additivati di sostanze che li rendono più stabili agli sbalzi di temperatura che si hanno nel motore. Tra gli additivi utilizzati vi sono i miglioratori dell’indice di viscosità, gli abbassanti del punto di scorrimento, gli antiossidanti e gli antiusura ed antiattrito.

CLASSIFICAZIONI OLIO MOTORE

L’A.P.I. (American Petroleum Institute), divide gli oli motore nelle categorie S per motori a benzina e C per motori a gasolio.

  • SJ: per l’uso con motori prodotti prima del 2001.
  • SL: per motori prodotti prima del 2004. Molte case automobilistiche adottano questa classe come standard minimo per la manutenzione tecnica dei veicoli.
  • SM: per i motori prodotti prima del 2010. Si tratta di prodotti altamente efficienti a basse temperature e resistenti all’ossidazione e alla formazione di sedimenti.   
  • SN: oli che sono in grado di garantire il più alto livello di protezione del motore e della sua efficienza. Gli oli SN contribuiscono al risparmio di carburante. In aggiunta, essi prevengono l’usura prematura del turbocompressore senza danneggiare le rispettive guarnizioni ed anelli di tenuta.

Gli oli di tipo C sono progettati per motori a gasolio. Il numero 4 che segue la classe indica il fatto che il materiale lubrificante è adatto ai motori a quattro tempi.

  • CH-4: classe introdotta nel 1998, adatta per i motori che usano carburante di alta qualità, aventi un contenuto specifico di zolfo inferiore a 0,5%.
  • CI-4: introdotta nel 2002. Essa raggruppa tutti quegli oli che garantiscono una protezione sicura del motore e del sistema di ricircolo dei gas (EGR) dai depositi di fuliggine e dall’usura prematura. Alcuni materiali lubrificanti di questa classe potrebbero essere marcati con CI-4 PLUS.
  • CJ-4: oli con elevata stabilità termica, sono resistenti all’ossidazione e offrono una maggiore durata di esercizio.
  • CK: oli progettati con l’intento di proteggere i motori prodotti dal 2017. Possono, tuttavia, essere implementati come alternativa anche in modelli di produzione meno recente.

Esiste poi la classificazione SAE (Society of Automotive Engineers) che divide gli oli motore in invernali ed estivi. I primi sono contraddistinti dalla lettera W. Il numero che precede questa lettera è sempre divisibile per cinque e serve per indicare la temperatura minima a cui l’olio è in grado di proteggere efficacemente il motore durante l’avviamento a freddo. Il grado 0 prende come riferimento il valore -35 °С. 5W mantiene le sue proprietà a -30 °С, 10W a -25 °С e così via.

Gli oli motore estivi sono contraddistinti dai numeri 20, 30, 40, 50 e 60 che indicano la viscosità cinematica alla temperatura di 100 °С (e non la temperatura massima dell’ambiente). Vi sono poi i lubrificanti quattro stagioni contraddistinti dall’unione delle due tipologie viste prima (es. 5W-30, 10W-60). Questa è la categoria di oli più diffusa.

Su eBay.it è presente una sezione appositamente dedicata agli oli motore. In essa si possono filtrare i prodotti per tipologia, per marca, per quantità ed anche per classificazione SAE.

Ricordiamo che gli oli motore sono costituiti da componenti minerali, semi-sintetiche o sintetiche. Più i lubrificanti resistono alle bassissime o alle alte temperature e più aumenta la frazione di materie sintetiche che li compone. Un prodotto 15W-40 è solitamente minerale o semisintetico, un 20W-50 o 60 è un semisintetico e 5W o 0W-30 sono oli sintetici.

Infine rimane la più recente classificazione ACEA, proposta dall’Associazione dei Costruttori Europei di Automobili (ACEA). Questa suddivide i lubrificanti in 4 categorie. “A” per motori a benzina, “B” per propulsori Diesel (prime due classi dedicate ai veicoli leggeri). La categoria “C” (Catalyst Compatible) è sempre volta alle auto, con in più la compatibilità del lubrificante con i vari filtri dei gas di scarico. Infine la “E” è invece dedicata ai Diesel industriali.

Vi sono poi i sottogruppi A1/B1 (oli a bassa viscosità con caratteristiche Fuel Economy), A3/B3 (oli stabili adatti per l’utilizzo in mezzi ad elevate prestazioni, impiego severo e prolungati intervalli di cambio), A3/B4 (oli stabili adatti per motori diesel o benzina di autovetture e veicoli commerciali con iniezione diretta che soddisfano anche i requisiti previsti dalla A3/B3) ed A5/B5 (per utilizzi severi in motori non molto potenti).

I lubrificanti di tipo C si differenziano invece in

  • C1 per l’uso in motori con DPF (Diesel Particulate Filter) e TWC (Catalizzatore a 3 vie) che richiedono oli a basso contenuto di ceneri e consentono una riduzione del consumo di carburante;
  • C2 come per la categoria C1 ma con un contenuto di ceneri normale;
  • C3 per l’uso in motori con sistemi DPF e TWC;
  • C4 oli per alte prestazioni, ad elevata stabilità viscosimetrica, per l’utilizzo  in motori con sistemi DPF e TWC.

Con questi tre tipi di classificazioni potrete scegliere il lubrificante adatto alla vostra vettura. Il portale eBay.it, nella sezione dedicata agli oli motore, mette a disposizione degli acquirenti tutte le specifiche tecniche del singolo prodotto. Abbiamo selezionato un lubrificante del marchio Castrol e nella pagina dedicata abbiamo trovato tutte le caratteristiche di questo articolo.

Per cui basterà semplicemente controllare il libretto d’uso e manutenzione della vostra vettura per individuare il prodotto corretto per il vostro motore. Fate anche attenzione alla zona climatica in cui circolerete per evitare problemi di accensione a freddo in caso di errata scelta di olio motore.  Seguite infine scrupolosamente gli intervalli chilometrici indicati dalla casa madre per il cambio dell’olio. Poi con pochi semplici click potrete acquistare il lubrificante comodamente da casa sulla piattaforma eBay.it

L’articolo Olio motore, come sceglierlo per un propulsore sempre ben lubrificato proviene da Motori News.

Redazione

Redazione