Febbraio 5, 2023

Patente, cosa cambia dopo i 50 e i 65 anni? Non sarà più come prima

La patente è quel documento che permette di viaggiare sulle auto, sulle moto o sui mezzi pesanti essendo in regola, senza correre rischi come sanzioni penali e molto altro ancora.

patente cosa cambia dopo questi anni
Patente, cosa cambia dopo i 50 e i 65 anni? – motori.news

Per cui se si vuole guidare qualsiasi mezzo è bene frequentare la scuola guida e fare di tutto per conseguire la patente, qualunque essa sia.

Conseguire la patente non è impossibile, per certi versi è difficile ma basta un po’ di studio e tanta pratica per averla in mano e mettersi alla guida praticamente nell’immediato.

Conseguire la patente è fondamentale per circolare in regola

Per una volta compiuti i 18 anni di età, si può conseguire la patente B, a 16 anni invece si può guidare lo scooter. Quel che si deve fare è iscriversi a scuola guida, frequentare le lezioni oppure studiare privatamente, per pagare soltanto l’esame di guida e l’esame di teoria e quindi risparmiare importanti somme.

Dopo aver eseguito l’esame teorico si ottiene il foglio rosa con il quale si può guidare in compagnia di una persona in possesso della patente di guida da almeno 10 anni. Dopo l’esame di guida si ottiene la patente, per cui ci si può mettere alla guida anche da soli. 

Patente di guida fac simile
Patente- Motori.news

Tempi di rinnovo della patente, attenzione a non far passare troppo tempo

Attenzione però ai dettagli perché trascorsi 10 anni, bisogna provvedere al rinnovo del documento. Purtroppo le regole cambiano dopo che si compiono 50 e 65 anni. L’articolo 126 del Codice della Strada comma 11 costringe a pagare una doppia sanzione se si guida con la patente scaduta e quindi non adeguatamente rinnovata.

La sanzione parte da €155 e arriva fino a €624. Nel caso in cui non si dovesse pagare la multa e non si dovesse provvedere nemmeno al rinnovo, si procede con il ritiro della patente definitivamente.

Una volta compiuti 50 anni non si devono più attendere 10 anni ma la metà ovvero 5 anni, se invece si compiono 65-70 anni il rinnovo della patente va eseguito ogni 3 anni. Chi invece compie 80 anni ed è ancora in condizioni di guidare dovrà rinnovare la patente ogni due anni.

Per quanto riguarda le modalità di rinnovo sono molto semplici. Il documento si può rinnovare in qualsiasi città italiana in cui ci si trovi, non è necessario ritornare al luogo di residenza per farlo.

Si deve soltanto prenotare la visita medica, poi dopo averla effettuata si attende l’arrivo del documento direttamente a casa. La scuola guida nel caso in cui dovesse trascorrere troppo tempo per la ricezione del documento fornisce un foglio sostitutivo con il quale si può circolare su tutto il territorio.

L’articolo Patente, cosa cambia dopo i 50 e i 65 anni? Non sarà più come prima proviene da Motori News.