Febbraio 5, 2023

Posti di blocco, €400 di multa per tutti: le stanno facendo a tutti

Subire una multa stradale non è mai piacevole per nessuno. Bisogna, quindi, sempre rispettare le norme presenti sul Codice della Strada in riferimento a qualsiasi aspetto. Il rischio di essere colti in una infrazione in occasione di un posto di blocco della polizia, infatti, è sempre dietro l’angolo. Nell’ultimo periodo, inoltre, i controlli in strada si sono notevolmente amplificati rispetto al passato. Che cosa non devi commettere mai? Andiamo a scoprire tutti i dettagli su una mossa da non fare assolutamente.

Posti di blocco
Posti di blocco – Motori.news

Le forze dell’ordine hanno l’obbligo di effettuare controlli a campione sulle strade del nostro Paese. Non è raro, quindi, imbattersi in posti di blocco. Gli agenti, infatti, sono tenuti a valutare che tutto sia in regola al momento del controllo. Oltre alla patente e al libretto di circolazione, sono tante le cose che possono essere controllate.

Facciamo riferimento allo stato psicofisico del guidatore e a varie componenti della tua auto. Innanzitutto, non perdiamo occasione di ribadire quanto sia importante mettersi al volante in uno stato non alterato da sostanze alcoliche o da stupefacenti. Infatti, gli agenti possono chiederti di effettuare dei test ai quali non potrai di certo rifiutarti.

Ma non è finita qui. Infatti, durante un posto di blocco gli agenti potranno anche valutare l’eventuale presenza di anomalie sulla tua auto. Tutte le sostituzioni inerenti le varie parti della tua auto dovranno essere fatte nel pieno rispetto delle regole. Ogni componente dovrà essere omologata in base a quanto scritto sulla carta di circolazione della propria auto.

Andiamo a scoprire cosa rischi nel caso in cui una o più componenti della tua auto non dovessero essere in regola con quanto trascritto sulla carta di circolazione dell’auto. La multa è davvero salata. Scopriamo tutti i dettagli su questo argomento.

Multa pesante e ritiro della carta di circolazione: ecco cosa rischi se commetti questa mossa non consentita

La normativa presente in Italia limita nettamente la possibilità di modificare le parti strutturali ed estetiche della propria auto. Il tuning, quindi, è molto limitato rispetto ad altri Paesi, come la Spagna o la Germania, dove tale pratica è molto più liberalizzata. Con il termine “tuning” facciamo riferimento alla possibilità di cambiare alcune componenti dell’auto, in base al proprio gusto estetico e ad altri fattori maggiormente riconducibili alle prestazioni del mezzo.

Tuning auto
Tuning auto, ecco che cosa rischi se non rispetti il Codice della Strada – Motori.News

Chiunque decida di effettuare delle modifiche ad alcune parti della propria auto, quindi, dovrà fare i conti con il Codice della Strada. Se intendi sostituire un faretto, i cerchioni delle ruote, il terminale di scarico e molto altro ancora, non potrai farlo se tali componenti non siano omologate o a norma con quanto scritto sulla carta di circolazione dell’auto.

Non è assolutamente permesso in Italia aumentare la potenza dell’auto e toccare i principali parametri prestazionali di un singolo modello. Anche un assetto troppo ribassato o il montaggio di alcune luci particolari, ma non a norma, sono aspetti vietati dal Codice della Strada. Rispetto ad altri Paesi al mondo, quindi, lo spazio di manovra per gli appassionati di tuning è molto limitato. Questo mercato, dunque, ha preso molto meno piede in Italia rispetto ad altre zone.

Ma cosa rischi se durante un posto di blocco gli agenti dovessero riscontrare delle anomalie? Chiunque apporti modifiche non consentite dalla legge stradale, rischia un’ammenda fino a 422 euro. Inoltre, nei casi più gravi, si potrà anche andare incontro al ritiro della carta di circolazione.

Posto di blocco
Posto di blocco – Motori.News

Sarà consentito solo montare delle componenti omologate dalle officine della Motorizzazione. Qualsiasi parte diversa rispetto all’originale, però, non dovrà assolutamente concorrere a prestazioni migliori dell’auto rispetto a quanto scritto sulla carta di circolazione.

L’articolo Posti di blocco, €400 di multa per tutti: le stanno facendo a tutti proviene da Motori News.